La creatività non è altro che un’intelligenza che si diverte.           

Albert Einstein                                                                     

 

Un angolo per la creatività e l’ironia

In questa sezione troverete strisce di vita quotidiana fuori registro per sorridere e riflettere, tra realtà e assurdo.

I testi sono di SIMONE MARCARI, i disegni di MARCO FIGA’ TALAMANCA

VIGNETTA 1 – dicembre 2014: “Problemi di parcheggio”

VIGNETTA 2 – gennaio 2015: “Diversamente super eroi”

VIGNETTA 3 – febbraio 2015: “Un padre convincente”

VIGNETTA 4 – marzo 2015: “Il bisogno del proprio … spazio”

VIGNETTA 5 – aprile 2015: “Grilli per la testa”

VIGNETTA 6 – maggio 2015: “La divisa ufficiale”

VIGNETTA 7 – giugno 2015: “Un amore sospetto”

VIGNETTA 8 – luglio 2015: “Il posticipo”

VIGNETTA 9 – agosto 2015: “Lunedì film”

VIGNETTA 10 – settembre 2015: “Un posteggio … meritato”

VIGNETTA 11 – ottobre 2015: “I problemi che aiutano”

VIGNETTA 12 – novembre 2016: “Il piacere della matematica”

VIGNETTA 13 – dicembre 2015: “(Non) dormiamoci sopra” 

VIGNETTA 14 – gennaio 2016: “L’inconfessabile speranza”

VIGNETTA 15 – febbraio 2016: “Chi cerca non trova”

VIGNETTA 16 – settembre 2016: “Pensiero positivo”

VIGNETTA 17 – ottobre 2016: “A casa … passa tutto”

VIGNETTA 18 – novembre 2016: “Dopo di noi”

VIGNETTA 19 – gennaio 2017: “La gita scolastica”

VIGNETTA 20 – luglio 2017: “Le cose che non ti ho detto”

VIGNETTA 21 – agosto 2017: “Problemi di comunicazione”     

VIGNETTA 22 – dicembre 2017: “Non mi sfugge niente”   

VIGNETTA 23 – giugno 2018: “Educazione”     

VIGNETTA 24 – novembre 2018 “Il caffè”                                                          

3 Commenti so far.

  1. Alessandra Scafati scrive:

    Mi sembra un’iniziativa veramente carina, riuscire a sdrammatizzare anche quando la vita ti pone di fronte a delle situazioni difficili che inizialmente sembrano inaccettabili. Comunque la vita è questa e in ogni caso vale la pena di essere vissuta, c’è sempre qualcosa per cui gioire, avere speranza, dipende dai punti di vista, dalla scala dei valori che si considera. In questi casi sdrammatizzare in prima persona aiuta in primis chi soffre di più e chi dovrebbe soffrire di più sembra più sereno di tanti altri.

    Complimenti, sono tutte molto carine nelle immagini e nei dialoghi, non avevo dubbi, nel mio caso conoscendo lo humour di chi le ha scritte!!
    Fatene altre, le aspetto…!
    Buona vita a tutti!
    Alessandra

  2. Lella scrive:

    Con la semplicità e pazienza la disabilità non deve e ssere vista come una difficolta, ma è solo una condizione della vita che fa comprendere e capire quanto in realtà sia importante al loro essere , capace di trasmettere grandi segnali del vivere oggi in una società che non sta più attenta ai rapporti umani.

  3. Mena scrive:

    Vignette simpatiche e divertenti! Un modo per entrare con ironia in contatto con un tema così complesso e delicato! Bravi gli autori e i realizzatori dell’idea!

Lascia una risposta